INFO

Il percorso artistico

Il percorso artistico, proprio per lo spirito improntato alla libertà e all'improvvisazione della creazione estemporanea, suggerisce l'idea di work in progress. La luce del sole accarezza legni dipinti, ravvivandone i colori, sfiora ferri di recupero arrugginiti, facendone risaltare la matericità, colpisce vetri dai segni arcani, penetrandone con violenza le trasparenze. Scenografie naturali fanno da sfondo a estrinsecazioni d'idee e intuizioni, manufatti dalla difficile attuazione od opere assemblate velocemente, sulle ali della fantasia.

Sull'aia della Cascina, si sarà accolti da personaggi che sembrano usciti da una fiaba, creati dalla fantasia poetica del compianto maestro Emanuele Luzzati. La Regina, il Re, il Menestrello, il Drago e altri, realizzati in legno ad altezza d'uomo, fanno da parapetto, accanto al tavolo dalle sembianze feline realizzato dal Centro Del Mutamento, e all'Albero dei bambini: il possente ippocastano dai rami secchi che esibisce, ad arte, strani frutti, perfetti nei loro cromatismi primari. Il cubo blu, la piramide gialla e la sfera rossa.

Non molto distanti, a inizio percorso, altre piccole aeree sculture in legno realizzate dal Centro Del Mutamento , pendono da sottili fili d'acciaio e vibrano in sintonia, al primo alito di vento, formando una quinta in continuo movimento. I simboli raffigurati anticipano quello che s'andrà a scoprire: il tracciato del percorso sulle colline identificato con un cavallino filiforme.

Protetto dai cipressi, splende il Sito del Fuoco , rappresentato da una girandola, antico simbolo alchemico dove le Fiamme di Fabio Cavanna fanno corona al sole di Luzzati.

Il Sito dell'Acqua. Su un'alta parete formata da piastrelle in vetro fuso di Fabio Cavanna e ceramica raku di Dedo Roggero-Fossati , spicca un'enorme, materna, sirena in terracotta, pensata da Luzzati e realizzata da Marcello Mannuzza . L'acqua che scende sfruttando la pendenza della collina, s'incanala in un labirinto luccicante al cui centro s'innalza una piramide in vetro di Peppino Campanella .

Più avanti, uccellini colorati sembrano volteggiare in enormi voliere di ferro. È il Sito dell'Aria da cui si scorgono cappezzagne con teste segnapalo, terribili numi tutelari posti come guerrieri medievali a difesa dell'uva, prezioso, antico tesoro.

Visualizza Mappa